Home                    Olimpiadi

La Fanciullezza                                                                                The Childhood

Premetto che sono nato 7 mesi dopo la morte di mio Padre.

I premise that I/you/they were born 7 months after death me my Father.
"Dalla Sfortuna, alla Fortuna"

"Prima la Morte, poi la Vita"  

"Dopo la Tempesta, il Sereno".

      ed altre citazioni... 

La famosa legge di Ricompensazione che Dio ci offre.

Dico questo perché, in base alla mia Vita vissuta,

mi definisco una   Persona Fortunata

Ho avuto una Vita Straordinaria...

Ho visto tutto quello che si doveva vedere nel Mondo...

Ho vissuto con tutte le razze e ceti sociali,

ho conosciuto culture e civiltà di tanti paesi.

"Mi sento come un uomo che guarda la Terra dall'alto"

 From the Adversity, to the Fortune

Before the Death, then the Life

After the Storm, the Calm.

and others...

he famous law of Ricompensazione that God she/he offers us.
I say this because, in base to my lived Life. I

 define me one    Fortunate person

I have had a Extraordinary Life...

I have seen what you/he/she had to be seen in the World...

I have lived with all the races and social classes,

I have known culture e civilization of so many countries.

"I feel like a man that looks at the World from the tall one"

...e questo è Fortuna.            ...e this is luky

horizontal rule

Se vuoi conoscere la vita

di un Ragazzo diventato Uomo,

ma che è rimasto Ragazzo

              scoprirai la vita, di una Persona nata sfortunata,

ma con una vita Fortunata.

 

If you want to know life

of a Boy become Man,
but what Boy has remained
              scoprirai life, of a Person been born unlucky,
but with a Fortunate life.

Inizio questa Storia     I begin this History

dalle Elementari, visto che fortunatamente,

sono riuscito a conservarne le Foto.  

   Esse sono elementi indispensabili per poter mettere la vita

sotto l'esame della coscienza .

   Nella storia della mia vita, le foto sono gli elementi negativi e positivi di testimonianza delle mie   

 

Emozioni - Pensieri - Amori  

 Elementary give, considering that fortunately,

I/you/they have succeeded in preserving the Photos of it

Esse are essential elements to be able to put life

under the examination of the conscience.
   In the history of my life, the photos are the negative and positive elements of testimony
of mine


Emotions - Thoughts - Loves

Nella foto, i miei amici della Scuola Elementare, dalla prima alla quinta.

Gli amici che vedo ancora sono:

bullet

Aliberti Salvatore, oltre ad essere un "Fine" Sarto, è un collezionista di rari dischi 45 giri degli anni '60.

bullet

bullet

Ambrosino Raffaele, un tecnico delle FF.SS. che abita nella stessa mia strada.

bullet

bullet

Marotta Cristoforo, un Capitano di lungo corso.

bullet

  Borriello Sebastiano, Ogni tanto, anche lui un Capitano di lungo corso.

bullet

bullet

Basso Giousuè, un atleta che ha dato onore a Torre del Greco per essere stato Campione Italiano di Nuoto, poi Calciatore dell' Andria (Puglia) dove, allora, fece la fortuna della sua Squadra.

 

In the photo, my friends of the Elementary School, from the first one to fifth. 

The friends that I still see are:

bullet

Aliberti Salvatore, being a Elegant Tailor, is further a collector of rare disks 45 turns of the years ' 60.

bullet


Ambrosino Raffaele, a technician of the FF.SSs. that she/he lives in the same one my road.
Marotta Cristoforo, a Captain of long course.

bullet


Sometimes, Borriello Sebastiano, the same a Captain of long course.

bullet


Basso Giousuè, an athlete that has given honor to Tower of the Greek to have been Italian Champion of Swimming, then Soccer player of the Andria where, then it did the fortune of his Square.

Come si evince dalla foto sopra, la fortuna con le donne mi arriva da bambino.

a Scuola in compagnia delle Donne (Bambine)

Mi sono trovato in  una classe mista, e già al primo contatto con le

"Femminucce"

ho sentito attrazione verso di loro.

Ricordo che sono stato "simpaticamente" innamorato di una ragazza che è nella foto.

Era la più carina, era la mia Compagna di Banco...

 

As he sees from the foto,  the Fortune it is born from child,
to School in company of the Women (Children)


I/you/they have been in  a mixed class, and already to the first contact with the
Femminucce
I have felt attraction toward of them.


I remember that have been nicely fallen in love of a girl that is in the photo.


It was the nicest, it was my Companion of Bench...

 

da Bambino essendo Orfano di Guerra per aver perso mio padre prima che io nascessi,

il Comitato degli Orfani di Guerra si interessa a trovare Persone americane per adottare, finanziariamente, un bambino Orfano italiano.

a me capitò come "Matrina" la bella Rita Hayworth, 

ogni mese ricevevo pacco da lei con cioccolato caramelle e panni americani. ogni qualvolta che ricevevo il pacco, ricordo che, ero felice come un matto. non solo io ma, tutti del mio pianerottolo (4 famiglie) che alla vista delle caramelle e cioccolato americano gioivano ed eravamo tutti felice.

Rita Hayworth

nome d'arte di Margarita Carmen Cansino

(New York, 17 ottobre 1918  New York, 14 maggio 1987),

è stata un'attrice statunitense. Tra le più belle e seducenti donne della storia del cinema, Rita Hayworth rimane nell'immaginario collettivocome la prorompente e tentatrice Gilda, personaggio che ha portato con successo sullo schermo nell'omonimo film del 1946, ma che l'ha confinata nel ruolo stereotipato della pin-up, offuscando così le sue doti d'interprete.

Di origini la bella e bruna Margarita Cansino nacque a Brooklyn, New York, dove trascorse un'infanzia tutt'altro che felice. Suo padre, il celebre ballerino spagnolo EduardoCansino, infatti la sottrasse ben presto ai giochi per insegnarle il flamenco e, non appena sua figlia compì dodici anni, la portò con sé in tournée. Notata da un talent-scout  della 20th Century Fox, la giovane Rita lavorò in una serie di film di poco conto, fin quando, nel 1935, il produttore Harry Cohn restò colpito dalla sua bellezza latina e le procurò un vantaggioso contratto con la Columbia Pictures, cambiandole il nome in Rita Hayworth  

l look di Rita venne rielaborato grazie soprattutto a un drastico intervento di carattere estetico: per ovviare all'attaccatura di capelli molto bassa sulla fronte e sulle tempie, la Hayworth dovette sottoporsi a dolorose sedute di elettrolisi per eliminare l'antiestetico problema. La sua folta capigliatura venne poi trasformata dal bruno al rosso, e questa nuova colorazione, unita al naturale fascino latino e al fisico armonioso e atletico dell'attrice, fu subito messa in risalto in una serie di film di successo.

La Hayworth affiancò i maggiori divi dell'epoca in film di diverso genere, da James Cagney nella commedia Bionda fragola (1941), a Tyrone Power nel dramma sentimentale Sangue e arena (1941), cimentandosi anche nel musical, come in Non sei mai stata così bella (1942), accanto a Fred Astaire, e in Fascino (1944), al fianco di Gene Kelly.

Sul fronte privato, dopo un primo matrimonio di convenienza con Edward C. Judson, l'attrice si innamorò del geniale regista Orson Welles, che sposò nel 1943 e da cui ebbe nel 1944 la figlia Rebecca. Il matrimonio durò cinque anni e, nonostante un film girato insieme, La signora di Shanghai (1947), in cui l'attrice sorprese il pubblico nei panni di una insolitamente bionda femme fatale, i due divorzieranno nel 1948.

Dopo essere diventata un simbolo per i soldati americani al fronte durante la seconda guerra mondiale, la fiammeggiante Rita Hayworth ottenne il suo più grande trionfo sullo schermo, interpretando la sensuale protagonista del film noir Gilda (1946) di Charles Vidor, accanto al suo storico partner Glenn Ford, in cui l'attrice apparve al massimo della sua provocante sensualità, messa in risalto in celebri numeri musicali come Put the Blame on Mame e Amado mio. Il boss della Columbia Harry Cohn, era follemente geloso di lei, tanto da tappezzare il suo camerino di microfoni nascosti, nel timore che tra lei e Glenn Ford potesse nascere una relazione. Solo più di quarant'anni dopo, dopo la morte della Hayworth, Ford confessò che la relazione c'era effettivamente stata all'epoca del film, quando lei era ancora ufficialmente sposata con Orson Welles

Divenuta ormai una star, la Hayworth venne soprannominata la "Dea dell'amore" e la sua immagine fu incollata sulla bomba atomica sperimentale lanciata sull'atollo di Bikini, circostanza che fece guadagnare all'attrice anche l'appellativo di "atomica". Avendo dimostrato comunque intense e notevoli doti drammatiche, la Hayworth ottenne da Cohn la parte di protagonista nel film Lona Hanson, un soggetto scritto espressamente per lei da Thomas Savage. Con grande sorpresa di tutti, la diva rifiutò e il tiranno della Columbia diede alle stampe la sua versione dei fatti, lamentando come per il capriccio di un'attrice avesse dovuto licenziare maestranze e comprimari già ingaggiati per il film. La Hayworth fu sospesa dal contratto, con il benestare di tutta l'opinione pubblica.

Dopo il divorzio da Welles e la sospensione dalla Columbia, Rita Hayworth è essenzialmente una donna fragile e alla costante ricerca di un uomo che si prenda davvero cura di lei. Sembrò trovarlo nel principe Ali Khan, che sposò in Francia nel1949, nonostante le pratiche del divorzio di lui fossero ancora in corso. Le loro nozze pertanto vennero deplorate dal papa in persona, che fece anche notare che Rita, cattolica, sposando il figlio di uno dei capi spirituali dell'Islam, era da considerarsi scomunicata. Perseguitata dalla stampa e dal pubblico benpensante con lo stesso accanimento riservato alcuni anni prima a Ingrid Bergman in occasione della sua unione con Rossellini, Rita abbandonò temporaneamente il cinema, trasferendosi in Pakistan. Non si fece piegare né dalle critiche più velenose né dalle minacce di Cohn, il quale esigeva che l'attrice tornasse a onorare il contratto con la Columbia. Dal 1949 al 1951,

'attrice svolse esclusivamente il ruolo di moglie e di madre della adorata figlia Yasmin, nata nel dicembre 1949

 Anche il matrimonio con Ali Khan, tuttavia, continuamente al centro delle cronache mondane dell'epoca, si rivelerà un fallimento e terminerà con il divorzio nel 1953. Ali Khan morirà sette anni più tardi in un incidente automobilistico.

n difficoltà economiche, la Hayworth fu costretta a tornare a bussare alla porta di Cohn. Trinidad(1952), il primo film interpretato dopo il rientro e l'ultimo in coppia con Glenn Ford, non ottenne il successo sperato e, quasi per un effetto di contrappasso, l'attrice si vide offrire da quel momento ruoli di prostitute, di donne alcolizzate, dalla bellezza sfiorita. Ad esempio, nel melodramma Pioggia (1953), la Hayworth interpretò il ruolo di una prostituta sulla difficile via della redenzione e, malgrado dichiarasse alla stampa di essere felice di interpretare donne autentiche, senza trucco, con le rughe e i segni della decadenza fisica, il suo percorso professionale si fece più che mai difficile.

Negli ultimi anni cinquanta si vide assegnare nuovamente ruoli dignitosi, come quello in Pal Joey(1957), accanto a Frank Sinatra, e in Tavole separate (1958) al fianco di Burt Lancaster, ma negli anni sessanta le sue apparizioni saranno prevalentemente di secondo piano. Anche la sua vita privata non sarà delle più felici: due brevi matrimoni travagliati (uno col cantante Dick Haymes, e l'altro col regista James Hill) e una sempre crescente dipendenza dagli alcolici faranno di lei una delle donne più scostanti, visionarie e lunatiche del mondo del cinema.

Sul finire degli anni sessanta l'attrice mostrò prematuramente i primi segnali del morbo di Alzheimer, malattia che però non le venne diagnosticata ufficialmente fino al 1980. La figlia Yasmin le rimase accanto fino al momento della scomparsa, avvenuta in un ospedale di New York nel maggio del 1987, all'età di sessantotto anni.

Nella foto, dopo le elementari.

 ho frequentato la scuola E.N.E.M., 

Ente Nazionale Educazione Marinara,        

   conseguendo il diploma di

 "Capitano Abilitato"

e in seguito....

  i  Diplomi di:

Stenografia  

Dattilografia

Geometra 

Attestati di Buona Conoscenza di:

Inglese 

Spagnolo

Portoghese

 

 

 

bambino

 

In the photo, after the elementary ones. 

I have attended the school E.N.E.M., Corporate body National Education Marinara,        
   achieving the diploma of  

Trained Engineer.

  and subsequently....

  i  Graduates of:

Shorthand 

typing

surveyor

Attested of Good Knowledge of:

bullet

  England

bullet

              Spanish

bullet

                     Portuguese    

 

 Erano gli anni  '60  

  l'inizio dell'emancipazione sociale in Italia... 

  del "Boom" Economico... 

nasceva un' Italia Nuova dopo la Batosta della Guerra Mondiale

Un "Foglio" chiamato Cambiale rivoluzionò l'Economia.

They were the years ' 50 and the was drawn near ' 60

 the beginning of the social emancipation in Italy...

  of the Economic Boom...

New Italy was born after the Blow of the World War.

Un Sheet called Bill revolutionized the economy.

        La gente incominciava a comprare e firmava Cambiali.                  

(la cambiale ci ha dato le ali per poi incominciare a volare)

 Arrivò il "Boom" nel Settore dell'Edilizia e iniziarono le costruzioni di  

palazzi,  rioni, strade e nuovi quartieri...

             L'Artigianato incominciava a crescere.

    La Disoccupazione si trasformava in Occupazione;

        Il Commercio sempre di più si sviluppava;

                la Sanità attraverso Progetti di Ricerche, cresceva;

                        La Comunicazione diventava Telecomunicazione

Le 1.000 lire al mese diventavano una Realtà.

La people began to buy and you/he/she signed Bills.   

               
(the bill has given the wings to us for then to begin to fly)
 Arrivò the Boom in the Sector of the housebuilding and they began the constructions of  


palazzi,  neighborhoods, roads and new districts...
             L' craftsmanship began to grow.


    You Unemployment was transformed in Occupation;
        The Commerce of piu' was always developed;


                the Health through Projects of Searches, grew;


                        You Communication became Telecommunication

The 1.000 liras a month became a Reality.

Questa è la banconota da 1000 lire più longeva, in circolazione dal 1897 al 1950. This is the banknote from 1000 liras more longevas, in circulation from 1897 at 1950 o'clock
"Mille lire al mese" diventa presto un film del 1939 (regista Max Neufeld, interpreti Alida Valli, Osvaldo Valenti). Nella pellicola, un ingegnere ottiene un posto alla radio di Budapest. Ma il giorno dell'assunzione schiaffeggia uno sconosciuto che scoprirà essere il direttore generale della emittente. La fidanzata dell'ingegnere suggerisce che un amico di lei si presenti al direttore generale per essere assunto, e sostituito poi dal vero ingegnere ad acque più calme. Il piano riesce, ma il finto ingegnere, che non sa niente di radio, combina una catena di disastri, prima del lieto fine. Thousand liras a month a film of 1939 becomes soon (director Max Neufeld, interpreters Alida Valli, Osvaldo Valenti). In the film, an engineer gets a place to the radio of Budapest. But the day of the assumption slaps a stranger that will discover to be the general manager of the broadcasting station. The fiancée of the engineer suggests that a friend of hers introduces him to the general manager to be assumed, and replaced then from the true engineer to waters more calms. The plan succeeds, but the false engineer, that doesn't know anything of radio, combines a chain of disasters before the happy ending.
    Erano gli anni della New Music:      

 la Musica degli Anni '60  

dopo la Mitica Musica Napoletana

  They were the years of the New Music:    

the Music of the Years ' 60

  after the Mythical Music Napoletana

  un Grande della Canzone Napoletana:

 

Caruso

 

  of a Great of the Song 

Napoletana:

Enrico Caruso nacque a Napoli il 25 febbraio 1873 in via Santi Giovanni e Paolo (più nota, a Napoli, con il nome di San Giovanniello), numero 7.

 Il padre si chiamava Marcellino, la madre Anna Baldini. Erano originari di Piedimonte d'Alife 

(oggi Piedimonte Matese in provincia di Caserta), dove s'erano sposati il 21 agosto 1866 e da dove erano partiti per Napoli in cerca di lavoro.

Marcellino lo trovò nelle officine Meuricoffre e malgrado avesse una spiccata tendenza ad alzare il gomito potevano considerarsi tranquillamente sistemati. 

Enrico nacque dopo sette anni di matrimonio e, sembra, ma non si sa se fosse vero o no, che sia venuto alla luce dopo tanti fratellini nati morti. Su questo figlio si divisero le speranze e le aspirazioni di papà e mamma Caruso. 

Il primo avrebbe voluto che continuasse il suo mestiere di meccanico; la seconda lo avrebbe voluto istruito.

 S'incontrarono a metà strada. A dieci anni, il padre lo piazzò quale apprendista nella fonderia di don Salvatore De Luca all'Arenaccia e lui, per far contenta la madre, dopo le elementari, frequentò una scuola serale dove ebbe la possibilità di sviluppare una vera passione: quella del disegno. 

Fu, infatti, un eccellente caricaturista dove non figurava soltanto la versatilità nel disegno ma ancora di più la capacità di afferrare e far risaltare la psicologia dei personaggi ritratti.

Curiosità e Aneddoti

Enrico Caruso fu il diciottesimo di ben ventuno figli, ma fu solo il primo a superare l'infanzia.
Iniziò a cantare come voce bianca nel coro ecclesiastico locale, e subito divenne noto come "Carusiello" o "il piccolo divo". 

Lasciò il coro in seguito ad una lite con un compagno ed alla conseguente umiliante punizione (baciare i piedi al sacerdote che dirigeva il coro) impostagli dal padre.

 Enrico si era rassegnato a lavorare come meccanico per amore della madre, ma dopo la sua morte prematura decise di dedicarsi definitivamente al canto. Il padre, furioso (voleva a tutti i costi che facesse il meccanico come lui), lo cacciò di casa.


Un giorno disse della sua gioventù: "Ero spesso affamato, ma mai infelice".


Aveva solo 25 anni quando fu catapultato alla fama mondiale con la prima assoluta di Fedora al Teatro Lirico di Milano nel 1898.


Il suo debutto al Metropolitan di New York fu il 23 Novembre 1903 in Rigoletto. Al Metropolitan in 18 stagioni cantò 607 volte in 37 opere diverse. 

Un giorno gli furono offerti 4000 dollari per una recita, ma Caruso disse: "Non credo ci sia un cantante al mondo che può in una serata dare più di 2500 dollari di canto al pubblico. Non voglio un centesimo di più, altrimenti il pubblico lo verrà a sapere e mi chiederà quel centesimo di canto in più che io non ho".


Nonostante la malattia polmonare che lo portò alla morte, e che gli provocava addirittura emorragie in scena, non volle mai cancellare una serata: in tutta la sua carriera cancellò solo due recite, ed una delle due la portò comunque avanti, sanguinante, sino alla fine del primo atto.


Tra le nuove opere di cui cantò la prima assoluta ci sono:

Fedora, Adriana Lecouvreur e La Fanciulla del West.

 

Henry Caruso was born in Naples February 25 th 1873 in the street Saints Giovanni and Paul (more note, to Naples, with the name of St. Giovanniello), number 7.

The father called Marcellino, the mother Ann Baldini.

They were aboriginal of Piedimonte of Alife (today Piedimonte Matese in province of Caserta),
where August 21 st 1866 you/they had gotten married and from where you/they had departed for Naples looking for job.

Marcellino found it in the shops Meuricoffre and despite it had a strong tendency to lift the elbow you/they can consider quietly systematized.

Henry was born after seven years of marriage and, you/he/she seems, but he doesn't know if you/he/she were true or no, that has come to the light after so many dead native fratellinis.On this child they divided the hopes and dad's aspirations and mama Caruso.

The first one would have liked that it continued his work of mechanic; the second would have liked it educated. They were met to half road.

To ten years, the father placed it what apprentice in the foundry of Mr. Savior De Luca to the Arenaccia and him, making the mother satisfies, after the elementary ones you/he/she attended an evening school where you/he/she had the possibility to develop a true passion: that of the sketch. It was, in fact, an excellent caricaturist where it didn't show up versatility only in the sketch but even more the ability to grab and to have the psychology of the drawn back characters jumped.


Curiosity and Anecdotes

Henry Caruso was eighteenth of well twenty-one children, but the first one was alone to overcome infancy. It began to sing as white voice in the local ecclesiastical choir, and it immediately became known like Carusiello or the small star.
She/he left the choir subsequently to a quarrel with a companion and to the consequent humiliating punishment (to kiss the feet to the priest that directed the choir) mail him from the father.

Henry was resigned to work as mechanic for love of the mother, but after his definite premature death to devote to the song definitely.

The father, furious (she/he wanted to all the costs that the mechanic did like him), you/he/she chased it of house.

A day said of its youth: I was thick hungry, but never unhappy.

It had solo 25 years when you/he/she was catapulted to world fame with the first absolute of Fedora to the Lyric Theater in Milan in 1898.

Its debut to the Metropolitan in New York was November 23 rd 1903 in Rigoletto.

To the Metropolitan in 18 seasons it sang 607 times in 37 different work.

A day you/they were offered him 4000 dollars for one it recites, but Caruso said: I don't believe there is a singer to the world that is able in an evening to give more than 2500 dollars of song to the public.

 I don't want a hundredth more, otherwise the public will come it to know and it will ask that hundredth of song to me in more than I don't have Despite the pulmonary illness that brought it to death, and that it provoked hemorrhages straight to him in scene, she/he never wanted to cancel an evening: in all its career canceled two recite only, and one of two brought it however before, bloody, actually at the end of the first action.

Between the new work of which it sang the first absolute I/you/they am there


Fedora, Adriana Lecouvreur and You Young girl of the West.

 

        erano anche i tempi di.....

      nientepopodimenochè...Signori:     

'

(Non potevo non pubblicare il capolavoro di Totò) 

'A LIvella

 (Leggetela seguendo la narrazione del Principe)
 

Ogn'anno, il due novembre, c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn'anno,puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo, e che paura!,
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto, statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del'31"

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe' segno, sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura...nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto,che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato...dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia; era 'o Marchese:
c'o' tubbo,'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:"Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente"

"Signor Marchese,nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo,obbj'...'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé..-piglia sta violenza...
'A verità,Marché,mme so' scucciato
'e te senti;e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto,'o vvuo capi,ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".

"Lurido porco!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale...Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.

'Nu rre,'nu maggistrato,'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto,'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò, stamme a ssenti...nun fa''o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte!"

                                     Antonio De Curtis

 

(I can not publish the masterpiece of Totò)  (napoletan Poetry)

" A Livella" ' To it Levels 

 (Read following it the narration of the Prince) 

Every year, on November 2, it is usual
for the dead to go to the Graveyard.
Everyone has to go to this day
everyone should have this thought

Every year, exactly on this day,
of this sad and unhappy,
I go there too, and adorned with flowers
the grave stone of Vicenza aunt.

happened to me this year is an adventure ...
After completed the sad homage.
Mammamia! if I think that fear!,
but then, I gave blood and guts.


The fact is this, listen up:
approaching closing time:
I slowly was going out
Having a look at some graves.

Here she/he sleeps in peace the noble marquis 
gentleman of Rovigo and Belluno 
daring hero of thousand enterprises 
dead l'11 May del'31 

'The coat of arms with a crown above everything ...
under ... a cross made of light bulbs;
three bundles of roses with a list of mourning:
candles, tealight candles and 6th.

Very Next 'wing tomb of this man
There was another grave little girl
abandoned without even a flower;
to sign, only a tiny tiny cruce.

IAbove the cross as soon as you read:
"Gennaro Esposito - garbage man"
looking at the cross, that sentence made ​​me
this dead without even a candle!

This is the life! 'I thought to myself ...
who has had a lot and those who do not have anything!
envi poor man was expected
that also in the other world was beggar?

While dreaming this thought,
it was already almost midnight,
and I was closed and prisoners,
scared to death ... in front of the candles and sticks.

All of a sudden, I see from a distance:
Two shadows approaching on my side ...
I thought this fact to me it seems strange ...
I'm awake ... I sleep, or is it fantasy?

More than fantasy, was the Marquis:
with the 'tube, candy, and with the coat;
quall'altro after a bad thing;
all stinking and with a broom in his hand.

And that certainly is Don Gennaro ...
The poor man died ... "the fucker." (Officer ecological)
this fact to me it seems a bit strange:
died and retreat to this now?


They could be 'almost an inch from me,
when the Marquis stops abruptly,
turns and slowly .. calmly,
Don Gennaro said, "Young man!

I want to know from you, vile carrion,
how daring and how dare you
to let you bury, to my shame,
next to me who are noble!

Caste is caste and it should be, respected,
You lost the sense and moderation;
Your corpse had to be, buried;
but buried in the trash!

Yet I can not suffer
your stinky,
ago So it is necessary that you will find a ditch
among your peers, among your people "

"Marquis, it is not my fault,
I would not have done this wrong;
My wife has been doing this nonsense,
I could do 'if I was dead?

If I were you I would live happy
piglierei the box with these four osse
and right now, you see ... at this time
I would go into another pit. "

"And what are you waiting, filthy miscreated,
that my wrath reaches the surplus?
If I had not been a titled
I'd already angry! "

"Let me see ..-take this violence ...
'The truth, Marquis, I'm annoyed
to hear, and if I lose my patience,
I forget about died and wedgie! ... 

Who do you think you are ... a God?
In here I want to understand we equal? ​​...
Dead ... it's you and I are also dead;
each as it is born as is ".

"You dirty bastard! ... How dare you
compare yourself to me that I was born
illustrious nobles and perfect
that rivals Royal Princes? ".

"You what ... Pasuaa Christmas and Epiphany!
Do you want to 'put on his head. Within the brain
you are still sick fantasy? ...
'A death' you know what? ... Is a spirit level.

'A king, a magistrate,' nuun Great Man,
entering into this gate did point
that peroo all, life and also the name:
thou hast not done yet this account?

So, listen to me ... do not be selfish,
stand near me - what do you care?
These antics make them only the living
we are serious ... belong to the death! "

                                         Anthony De Curtis 


 

alcuni Film di Totò:  

"La banda degli onesti" 

"Lascia o raddoppia"  

some Films of Totò:

The gang of him honest   

She/he leaves or it doubles

"Malafemmina"

Nella "Banda degli onesti", Totò è Antonio Bonocore, portiere di condominio prossimo al licenziamento perché si è rifiutato di essere complice di Casoria, il nuovo amministratore, in una truffa sul carbone per le stufe condominiali. In quell'ora tragica, un vecchio inquilino, ex dipendente del "Policlinico dello Stato" (il Poligrafico) gli confessa di aver rubato un cliché dalla Zecca e un rotolo di filigrana, il necessario per fabbricare banconote da 10 mila lire. Invece di buttare tutto, Bonocore cede alla tentazione di falsificare le monete con l'aiuto del tipografo Lo Turco (anche detto Lo Turzo) e del pittore (d'insegne) Cardone. Ma tutto si complica quando il figlio di Bonocore, finanziere, torna in città per dare la caccia a una temibile banda di falsari.

Il 1956, in Italia, è l'anno dell'auto per molti, magari solo a rate: richiestissime la 500 (a 465.000 lire), la 600 decappottabile e la Lancia Flaminia, per i più ricchi. E' anche l'anno di "Lascia o raddoppia", quiz che richiama milioni di persone davanti ai televisori in bianco e nero. Proprio negli studi della storica trasmissione Totò è lo squattrinato duca Gagliardo della Forcoletta dei Prati di Castelrotondo, giocatore ai cavalli senza fortuna (la mirabile vincita di un milione avviene solo in sogno). La vita del duca continuerebbe tra una giocata e una truffa, se non venisse a sapere della figlia illegittima Sara (Valeria Moriconi). Per amore di lei, partecipa a "Lascia o raddoppia", vince 5 milioni e 120 mila lire e le regala il bar di via Solferino.

Il film "Totò, Peppino e la Malafemmina" vive il suo apice comico quando Totò detta al fratello Peppino, semianalfabeta, la lettera con cui vuole convincere la soubrette a lasciare l'ingenuo Gianni, nipote prediletto. La lettera contiene una ghiotta offerta in lire, come "riscatto" per la liberazione del nipote innamorato.

BAD GIRL

n the Gang of him honest, Totò is Anthony Bonocore, doorman of next condominium to the dismissal because you/he/she has refused to be accomplice of Casoria, the new administrator, in a fraud on the coal for the fed up condominialis. In that tragic time, an old tenant, dependent ex of the Policlinico of the State (the Typographer) she/he confesses to have stolen a cliche from the Mint and a roll of filigree to him, the necessary one to manufacture banknotes from 10 thousand liras. Instead of throwing everything, Bonocore surrenders to falsify the coins with the help of the typographer Turkish to temptation (also says The Turzo) and of the painter (of insignias) Cardone. But everything complicates him when the child of Bonocore, financier, returns in the city to chase a dangerous gang of counterfeiters.

1956, are the year of the auto for many in Italy, even only to installments: in demand 500 (to 465.000 liras), 600 convertible and the Lance Flaminia, for the richest. E' also the year of she/he Leaves or it doubles, quiz that recalls million persons in front of the televisions in white and black. Just Totò is the down-and-out Strong duke of the Forcoletta of the Lawns of Castelrotondo in the studies of the historical transmission, player to the horses without fortune (the admirable win of a million happens in dream only). You life of the duke would continue between one played and a fraud, if it didn't come to know some daughter illegitimate Sarah (Valeria Moriconi). For love of her it participates to she/he Leaves or it doubles, it wins 5 million and 120 thousand liras and it gives her the cafe of street Solferino.

The film Totò, Peppino and the Malafemmina she/he lives his comic apex when Totò dictates to the brother Peppino, semianalfabeta, the letter with which wants to convince the soubrette to leave the naïve Gianni favorite nephew. The letter contains a greedy offer in liras, as I ransoms for the liberation of the enamored nephew.

...delle Commedie Napoletane   di

Eduardo

 

 

In quel periodo Incominciai ad appassionarmi diTeatro 

il mio primo debutto con la famosa

"la Cantata dei Pastori"    

interpretai  il ruolo del Pescatore

e mi confrontai con il "diavolo" Belfagor

interpretato "magistralmente" dal mio grande amico Alfredo Perillo

 

       

In quel periodo Incominciai ad appassionarmi di Teatro  

il mio primo debutto con la famosa 

"la Cantata dei Pastori"    

interpretai il ruolo del Pescatore 

e mi confrontai con il 

"diavolo" Belfagor 

interpretato "magistralmente" dal mio grande amico Alfredo Perillo

 

...A 14 anni  il mio primo lavoro, logicamente durante il periodo della scuola.

Per hobby e per piacere, assieme ad un amico, Carlo Nocito,

mi avvicinai ad imparare il mestiere di elettricista presso una Fabbrichetta che costruiva Luminarie per Feste.

Una delle prime Ditte, se non la prima, in Italia  ad importare il "Movimento"

delle Lampadine in serie, tipo

Cascate, Mari, Eruzioni... ed altro

...A 14 years my first job, logically during the period of the school. 


For hobby and please, together to a friend, Charles Nocito


I drew near to learn the work of electrician near a Fabbrichetta that built Illuminations for Parties. 

One of the first Firms, if not the first, in Italy to be of importance the Movement 


of the Light bulbs in series, type 


You fall, Seas, Eruptions... and other 

 

Il figlio del "Padrone" Geppino Del Gatto importò direttamente dal Centro America (Santo Domingo)  (dove si era sposato con una ragazza del luogo) laTecnica per gli effetti Psichedelici,  ed io incominciai a "rubargli" il mestiere, perché ero diventato il suo Garzone apprendista. Grazie all'apprendimento di questa tecnica che mi avvicinai all'Elettricità. In seguito, la stessa tecnica mi ispirò nella creazione di un giardino, del mio amico Peppe Berardo, dando luce ad effetti psicatelici e facendolo diventare un "Garden Dream"proprio come come un"Eden", 

Il mio amico Peppe abitava di fronte alla Villa Comunale dove il sabato e la domenica pomeriggio le Comitive si riunivano, con i dischi dei Cantanti di allora:  Adamo - Peppino di Capri - Nico Fidenco - Gianni Morandi - Rita Pavone - Adriano Celentano - Gianni Meccia - Little Tony ed altri cantanti dell'epoca, per essere invitati ad entrare nel"Garden Dream" . Divenne la prima Discoteca "Naif" di Torre del Greco

Io ero un Capo Comitiva perché conoscevo le ragazze più interessanti, oltre ad avere un rapporto di amicizia anche con i loro genitori.

milia, una "Pepina" in cerca di sentimenti veri. Sposata con un ristoratore, si è poi separata con prole. Ci salutiamo ancora quando ci vediamo per strada.

Donatella, una morettina che se fosse cresciuta ai giorni d'oggi, sarebbe una delle più belle fotomodelle del mondo. Dopo la sua gioventù a Torre, si trasferì a Torino. Sposata con figli, ne ho perso le tracce.

Pupetta, era la mia innamoratina, forse è stata la prima vera amica a cui  tenevo,  mi piaceva per la sua vivacità, energia, e fascino. Mi lasciò per sposarsi un ragazzo più grande. Ogni tanto la vedo assieme al marito, lui è nel mondo dello spettacolo regionale e spesso abbiamo lavorato insieme.E' rimasta una simpatica persona, come allora.     

Manuela, una mora. Un "bocconcino" che sembrava di avere il miele, al posto del latte, perché quando andavamo a ballare, veniva corteggiata da tutti i ragazzi. Immaginate... era "proprietà privata" del sottoscritto!

I miei amici di allora:

 Gianni Gaudino - Alfredo Perillo  - Carlo Nocito - Michele Ascione - Carmine Savastano e Peppe Berardo.

Insieme formavamo una delle migliori comitive della Città.

The Master's child Geppino Di the Cat was of importance directly from the Center America (Saint Domingo)  (dove had gotten married with a girl of the place) the Technique for the effects Psichedelici,  ed I began to steal the work to him, because I had become his Labourer apprentice. Thanks to the learning of this technique that I drew near to electricity. subsequently, the same tecnica mi inspired in the creation of a garden, of my friend Peppe Berardo, dando light to effects psicatelici and making a Garden Dream"proprio becoming like like a Eden", 

l my friend Peppe lived in front of the Town Villa where the Saturday and the Sunday afternoon the Parties reunited, with the disks of the Singers since that time: Adamo - Peppino in Capri - Nico Fidenco - Gianni Morandi - Rita Pavone - Adriano Celentano - Gianni Meccia - Little Tony ed other singers of the epoch, to be guests to enter nel"Garden Dream" . Divenne the first Disco Naif of Torre del Greco 

I was a Head Comitiva perché I knew the most interesting girls, further to also have a relationship of friendship with their parents.

Emilia, a Pepina looking for true feelings. Married with a refreshing, you/he/she has separated then with issue. We still greet there when we see us for road. 

Donatella, a morettina che if you/he/she was grown a days of today it would be one of the most beautiful fotomodelles of the world. After his youth to Tower it was moved in Turin. Married with children, I have lost the traces of it. 

Pupetta, was my innamoratina, perhaps you/he/she has been the first true friend to which I held, I liked for his vivacity, energy and charm. She/he left me to get married a greatest boy. I sometimes see it together with the husband, he is in the regional world of show business and we has often worked together. Remained E' a nice person, as then.  

    Manuela, a blackberry. A tid bit that seemed to have honey, to the place of milk, because when we went to dance, you/he/she was courted by all the boys. Imagine... was private ownership of the undersigned!

My friends since that time: 

Gianni Gaudino - Alfredo Perillo - Charles Nocito - Michael Ascione Carmine Savastano and Peppe Berardo.

Together we formed one of the best parties of the City. 

Con la ditta Del Gatto

ebbi la fortuna di girare per   l'Italia                    

da Napoli

a Roma per la festa 

"De no' Antri", 

la Festa del Rugantino a Trastevere,

a Torino per le Festività Natalizie nel preparare le Luminarie per le vie cittadine

ed incominciai a conoscere le prime Città Italiane

e le Bellezze dei loro Monumenti, 

With the Del Gatto company

I had fortune to turn for Italy 
                                      
from Naples 
to Rome for the party 

De no' Caverns, 

the Party of the Rugantino to Trastevere, 
to Turin for the Christmas Festivities in preparing the Illuminations for the city streets

and I began to know the first Italian Cities 


and the Beauties of their Monumenti, 

uno su tutti  Altare della Patria a                       one on everybody Altare of the Country to

ROMA

    

 

Home                    Olimpiadi